BIC Genova strappa applausiVersione stampabile


immagine sinistra
Seveso (MB) - Nulla può la matricola INAIL Bic Genova di fronte alla furia inarrestabile della UnipolSai Cantù di coach Malik Abes. I brianzoli, forti della larga vittoria di appena 6 giorni fa al PalaManesseno (96-24), chiudono sul risultato di 96-36 (25-9, 26-4, 25-8, 20-15 i parziali) e strappano così il pass per la semifinale playoff scudetto 2015, mentre i biancorossi genovesi mettono in archivio il primo volume della prima fantastica stagione in Serie A. A dominare l’incontro, neanche a dirlo, il poker di pivot schierati da coach Abes, ossia quei Bell, Choudry, Sagar ed il genovese Carrossino che insieme mettono a referto ben 85 dei 96 punti complessivi della Briantea84.

Pronostici confermati dagli altri campi, con Santa Lucia Roma e Cimberio Varese a passare il turno, e avversari nello scontro play-off. In programma domenica 22 febbraio la sfida tra Porto Torres e Polisportiva Castelvecchio, ultimo match decisivo per decretare la quarta finalista di questo playoff. A lasciare la massima serie, l’Inail Crazy Ghosts Battipaglia e Santo Stefano Marche (dell’altro nostro genovese Andrea Giaretti) - dominate rispettivamente dall’Sbs Montello e Pdm Treviso.

Lo spettacolo non è solo quello del campo, ma arriva anche dagli spalti, in un palasport caricato dall’energia dei ragazzi del progetto “Io tifo positivo – Nel segno di Candido”. “È stato davvero emozionante giocare qui questa sera. La cornice di Cantù con tutti questi bimbi e questo fantastico pubblico è brividi. Che emozione sentire poi i più piccoli cantare per noi a più riprese durante la partita, “piccoli” se confrontati con i “grandi” della Briantea84, “forza Genova”. Questo è un modello che ammiriamo e a cui ci ispiriamo. – afferma il Vice Presidente del Bic Genova Andrea Cavallaro - Torniamo a casa a testa alta, sorridenti e contenti per quanto di straordinario abbiamo fatto in questa nostra prima esperienza in Serie A, ma anche per la partita di questa sera in cui abbiamo centrato i nostri obiettivi, ossia perdere con un passivo inferiore ai 68 di domenica ed impedire ai ragazzi di Abes di segnare più di 100 punti. Di più, davvero, non potevamo fare. Usciamo dal campo sicuramente più esperti e consapevoli di quanto lavoro c’è da fare per crescere in senso positivo”.

I biancorossi orfani sia di coach Carbone che del presidente Barbagelata, entrambi ai box, sono guidati da John Amasio nuovamente abile a calarsi nelle vesti di giocatore/allenatore.

Partenza rallentata ed equilibrata nei primi 5’ per i quintetti in campo: Amasio fa sua la palla a due, Ruggeri brucia il cotone della retina prima con una bomba da 3 e porta in vantaggio i suoi e poi, ancora con la mano calda, centra il bersaglio con un tiro piazzato da due, ma Cantù rimane li con Jordi Ruiz prima e Sagar poi a riportare il risultato sul 5-5. A 4’ minuti dalla fine del primo quarto il risultato è in favore brianzolo ma senza impressionare troppo (11-5). A scaldare gli spalti arriva la doppia bomba di Choudry e la UnipolSai vola sul +13 (18-5). Amasio prova a riparare i danni (18-7) ma i brianzoli continuano dominare il pitturato e a macinare punti (21-7). Alla prima sirena il vantaggio è tutto biancoblu (25-9).

La UnipolSai parte forte, Genova non riesce a trovare spazio per far valere la sua forza. Con una magica giocata Stravinkas-Bell, i brianzoli volano sul 38-11. Genova prova timidamente a farsi sentire ma i padroni di casi non lasciano troppo spazio e continuano a dilagare arrivando all’intervallo lungo sul 51-13.

Alla ripresa la storia non cambia: la UnipolSai dilaga senza risparmiarsi forzando l’INAIL Bic Genova a numerose palle perse (saranno ben 31 a fine gara, ndr). Il vantaggio, ampio e minaccioso, recita un imponente +44 (57-13). Genova cerca di fare il suo meglio giocando a lunghi tratti con tre lunghi, macina qualche punto, ma nulla può per contenere l’onda d’urto di Cantù. A 10’ dalla fine i brianzoli conducono per 76-21.

L’ultimo quarto è quello della conferma: la UnipolSai non smette di giocare e vola in seminifale scudetto, Genova a testa alta non molla il colpo fino alla fine, facendo quanto meglio può, offrendo allo sportivissimo pubblico un paio di giocate che strappano applausi e fissano il risultato di Gara 2 sul 96-36.

Tabellino

INAIL BIC Genova – Punti: Ruggero 12, Amasio 9, Sala 6, Serio 5, Arena a Rukavisnikovs 2, Fiorino e Montano 0. Rimbalzi: Amasio 11, Ruggeru e Serio 3, Arena 3. Assist: Serio 3.


24/02/2015
facebook logo

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Ottobre  >>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico